Tu sei qui:HomeMagazineNumero 6Vinilica

Odetta Sings Dylan

di Bebo Moroni

Odetta Sings Dylan

RCA LSP3324, Replica Speakers Corner, LP HQ 180 Gr.

I più giovani decisamente non sanno chi era Odetta. I meno giovani, talvolta, lo hanno dimenticato. Eppure Odetta è stata una delle più grandi voci che la musica, come vogliamo chiamarla? Pop impegnata? ( Maledetta necessità di etichettare tutto) abbia mai conosciuta. Lei definiva questo immenso patrimonio vocale "some of blues, some of swing" (un po' di blues, un po' di swing), noi la definiamo solamente come unica. E nessuno potrà mai contraddirci. Calda e suadente, oppure aggressiva sino alla rudezza, dove l'interpretazione lo richiedesse, la voce di Odetta è uno dei lasciti più raffinati ed intensi degli anni '60. Cosa distingue una bella voce da un'altra bella voce? Si, va bene, il timbro, l'estensione, il colore…Ma cosa, veramente, distingue una bella voce dall'altra? Qualcosa che ha poco a che fare (almeno in apparenza) con l'ugola o con le corde vocali: il cervello. Si il cervello, l'intelligenza interpretativa. Cosa non può fare un buon cervello! Cosa non può fare in musica un buon cervello abbinato ad una buona ( strepitosa) voce!

Ecco Odetta, in parole, tutto il resto ( ovverossia tutto) è da ascoltare con le proprie orecchie, impossibile scriverlo e persino raccontarlo.
Ricercatissimo tanto dagli audiofili quanto dai collezionisti, Odetta Sings Dylan, viene ora riproposto in una magnifica "replica" su vinile da 180 grammi dalla Speaker Corner, etichetta che non finiremo mai di lodare per le gioie che ci fornisce. 
Se è difficile interpretare Dylan oggidì, figuriamoci quanto potesse essere complesso ed ardito, interpretare Dylan al tempo di Dylan. Pochi, pochissimi quelli che ci sono riusciti senza svilire "l'immenso". Qualche volta (e avrei anche voluto vedere) la Baez, per tanto tempo sua amata e odiata compagna di vita, una volta, in maniera superlativa Hendrix. E poi? E poi poco, persino i grandi Byrds non seppero far altro che offrire una ( deliziosa per i ricordi e per le colonne sonore) Mr Tambourine Man edulcorata e leziosa. Faranno assai di meglio i Rolling Stones trent'anni dopo, ma pur essendo sempre il tempo di Dylan, non era ormai più il tempo di "quel" Dylan.


Ascolto quasi sempre con fastidio, spesso con raccapriccio, i tentativi di rieseguire il sostanzialmente ineseguibile ( non si può chiedere al Monte Everest di trasformarsi in collinetta per amene vacanze). Ma nel caso di Odetta ho sempre fatto un'eccezione. Il suo "Sings Dylan" continua ad essere uno degli album del mio cuore. Credo a ragione. Il programma è succulento: Baby, I'm In The Mood For You; Long Ago, Far Away; Don't Think Twice It's All Right; Tomorrow Is A Long Time; Masters Of War; Walkin' Down The Line; The Times They Are A-Changin'; With God On Our Side; Long Time Gone; Mr. Tambourine Man. C'è da commuoversi solo ad elencarli i titoli. Odetta li prende per il verso giusto. Non tenta pirotecniche invenzioni interpretative, non mima pedissequamente l'originale. Lo capisce, lo digerisce, lo fa suo e ce lo spiega per come l'ha capito e lo ha digerito: benissimo. Solo tre musicisti, oltre ad Odetta, voce e chitarra, ci sono Bruce Langhorne, chitarra e tamburello, Peter Childs chitarra, Les Grinage basso. Tre musicisti raffinati e sapienti, interpreti composti e insieme moderni della grande tradizione folk americana, arrangiamenti semplici ma al contempo profondi, ed una grande, grandissima musicalità innata e porta con disarmante semplicità. Il risultato è un disco semplicemente splendido. 
Da notare che Odetta, a ulteriore dimostrazione della sua sensibilità artistica, s'impadronì di tre "pezzi" che Dylan non aveva voluto includere nel suo repertorio ( lo farà più tardi, e non dimenticherà di ringraziare Odetta per "averglieli ricordati"): "Baby I'm In The Mood For You", "Walking Down The Line" e "Tomorrow Is A Long Time". 
L'incisione, forse per semplicità e povertà di mezzi, forse per la capacità di chi la eseguì, forse per tutte e due le cose, era già apprezzabilissima sulle copie arrivate o stampate in Europa al tempo. Riscoprirla, in questo efficacissimo riversamento dal master originale, è emozionante. Scoprirla per la prima volta, posso immaginare, deve essere esaltante. Imperdibile è dire poco.

Distributore per l'Italia: Sound & Music- Lucca
www.soundandmusic.com
prezzo € 39