Tu sei qui:HomeMagazineNumero 1Largabanda e oltre

Lowther phase equalizer

di Giovanni Aste
Lowther phase equalizer

Un deciso passo in avanti…

Introduzione

Era parecchio che volevo provare i nuovi "phase equalizer" della Lowther, ma avevo sempre rimandato preso dagli altri mille tweak che vengono giornalmente in testa a noi audiofili. Poi un caro amico (Lowtherista anche lui), parlandomene mi mette la solita, stramaledetta pulce nell'orecchio… Detto fatto. Un breve scambio di e-mail con Jo Austin della Lowther e, dopo circa una settimana i due nuovi "phase equalizer" sono a casa mia.
Costruzione e teoria

I nuovi phase equalizer sono una specie di "funghi" realizzati in plastica di buona qualità che al tatto danno una sensazione di oggetto solido e ben costruito. Disposti radialmente ci  sono dei fori. Mentre il diffuser lavorava eliminando le possibili interazioni tra le emissioni delle pareti del conetto degli alti, l'equalizer, oltre a questo, formerebbe una specie di tromba fra lui stesso e la parete del cono whizzer raggiungendo due obiettivi: la migliore emissione delle frequenze medie, medio alte e alte e l'equalizzazione della pressione tra la parete anteriore e posteriore del cono. Tutto ciò porterebbe a una miglior risposta in frequenza e a una distorsione di minore entità. Maggiori info sono disponibili nel sito Lowther: www.lowtherloudspeakers.co.uk . Montare i nuovi phase equalizer al posto dei vecchi diffuser è un'operazione al limite del banale, basta infatti svitare questi ultimi e avvitare al loro posto i nuovi. Il gioco è fatto e si può iniziare l'ascolto.

Suono

Funzionano? Funzionano eccome! Sì, ma cos'è che migliora? Praticamente tutto. I miglioramenti subito evidenti sono nell'immagine, già eccezionale con questi altoparlanti ora diventa ancora più ferma e definita. Il dettaglio aumenta, il palcoscenico è veramente lì davanti a voi, non c'è assolutamente bisogno di immaginarsi nulla. Poi si notano le gamma media, sicuramente più neutra e quella alta dove lo "spessore" del suono aumenta parecchio, badate bene, non aumenta l'estensione in frequenza ma la corposità. La distorsione generale si attenua in misura evidente, ora è possibile alzare il volume molto di più prima che si sentano i primi segni di compressione. Ma quello che proprio non mi aspettavo è stato il miglioramento sui bassi. Incredibile. Anche in questo caso, come per la gamma alta, non si ha un'estensione in frequenza ma le note gravi diventano più ferme e solide, se possibile ancora più veloci dando un'autorevolezza in basso finora sconosciuta.
Conclusioni

Veramente un bell'oggetto questo phase equalizer, in un minuto il vostro amato diffusore migliorerà in modo sostanziale. Non ho potuto provare l'oggetto su altri diffusori e/o su altri altoparlanti ma dato che il miglioramento è generale, su tutta la banda e su più aspetti del suono, presumo che questo rimanga valido anche per altre situazioni (altri driver/altri diffusori). L'unico difetto che ho riscontrato è nell'impanatura della vite, non proprio precisa; ma per quel che ho potuto constatare anche su altri altoparlanti mi sembra che questo sia un problemino abbastanza diffuso sugli altoparlanti della casa Inglese e comunque di relativa importanza. Il costo non è basso in assoluto ma l'oggetto, come ho già detto, si presenta solido e ben fatto e il risultato raggiunto vale pienamente i soldi spesi: 82 Sterline la coppia più tasse.
Consigliatissimo.