Tu sei qui:HomeOpen JournalPier Paolo FerrariNota tecnica sul circuito di Phase-Splitter

Open Journal di Pier Paolo Ferrari

Nota tecnica sul circuito di Phase-Splitter

Il circuito del Radford STA15 deriva essenzialmente da quello del primo finale stereofonico della ditta inglese e cioè il Radford STA12. Lo schema è in sostanza di derivazione Mullard, per la precisione il Mullard 5-20 del 1956. Arthur  Radford però cercò di migliorare ulteriormente il già eccellente circuito 5-20 focalizzando la sua attenzione sull’invertitore di fase (Phase-Splitter). E così, mentre nel Mullard si impiegava un doppio triodo ECC83 nel 2° stadio, subito a ridosso del pentodo d’ingresso EF86, nel Radford si adottò la soluzione con triodo-pentodo del tipo ECF82. In verità Radford si avvalse degli studi inerenti questo particolare circuito di un noto tecnico dell’epoca, A.R. Bailey; poi, successivamente, scrissero anche un famoso articolo apparso nel giugno del 1962 sulle pagine della rivista Hi-Fi News dal titolo:  “A New High Fidelity Amplifier.

Radford si rese conto come l’invertitore con il tubo ECC83, nei suoi primi prototipi, tendesse a diminuire il guadagno intorno alla frequenza di 15 KHz. ed inoltre esso producesse ritardi di fase di 40 e 50 gradi sulla soglia dei 20 KHz. Sostituendo, invece, la valvola ECC83 con un triodo-pentodo (del tipo ECF82) le cose miglioravano e non poco e si era in grado di estendere il guadagno fino ai 100 KHz.  mantenendo il ritardo di fase in soli pochi gradi di scostamento nella regione dei 20.000 Hz.

Oltre a fornire un guadagno più uniforme su tutto lo spettro audio, la risposta in fase avanzata consentì a Radford una via più facile nell’applicazione di un feedback globale, al fine di  migliorare le prestazioni dell’amplificatore senza rischiare instabilità od altri possibili problemi.

Questa nota tecnica è importante per capire come si sia sviluppato il circuito Radford, uno schema che verrà poi adottato in tutti i finali della ditta fino alla leggendaria Serie III. In pratica, questo tipo di invertitore di fase determina una grande stabilità e linearità di amplificazione.

Foto A – ECF82 Vs.ECC83 Diagramma

Foto B- schema elettrico Phase - Splitter Radford STA-15

 

Torna all'articolo: "La leggendaria coppia pre e finale Radford ed i diffusori Celestion Ditton 44"