Tu sei qui:HomeOpen JournalGiovanna AnnunziataL'impianto di una vita, la storia di Giovanni71

Open Journal di Giovanna Annunziata

L'impianto di una vita, la storia di Giovanni71

Per la rubrica I Vostri Impianti, riporto qui la lettera di un amico conosciuto al TAV 2012. Dietro l'impianto, costruito pezzo per pezzo, Giovanni ci racconta la sua vita, dai desideri di ribellione dell'adolescenza, passando per i compromessi del matrimonio, fino ad oggi.
L'impianto di una vita, la storia di Giovanni71

"Eccoci pronti per la descrizione dell'impianto, ma prima devo farti un'importante premessa: tu sei troppo giovane per ricordare quegli anni, ma la mia passione per la musica è nata negli anni ottanta, in quel periodo, non esistevano ancora internet, consolle e pc... a stento qualcuno di noi aveva un Commodore vic20 o uno zx spectrum. La musica era l'unico modo di essere diversi rispetto ai "vecchi" e l'unico modo di distinguersi e ritrovarsi.

Era il 1982 oppure l'83, non ricordo bene, quando mio padre mi ha regalato il mio primo impianto, si trattava di un coordinato Marantz, non ricordo le sigle e sinceramente non mi va di spulciare in rete per ritrovarlo. Ricordo che era tutto color ottone; era composto dal giradischi, l'ampli, il tuner, le casse e anche la mitica "piastra" (non quella per i capelli ma così chiamavamo i registratori a cassette) .
Con quell'impianto ho attraversato tutte le mie "fasi" musicali, il pop di quegli anni, mitici! La fase rock, hard rock, metal e poi punk.... per passare poi ai primi ascolti jazz e fusion..... quell'impianto, per quanto maltrattato (lo portavamo in giro alle varie feste) era parte integrante della mia vita di adolescente.... mi è rimasto sempre impresso quel marchio e quel suono.

Basta,  ho avuto quell'impianto fino all'università, quando, andando fuori di casa per studiare l'ho abbandonato nel garage di casa. Dopo gli studi ho girato molto e, arrivato ai 30 anni, mi sono sposato e fatto casa mia, con la precisa condizione all'allora mia moglie di avere una stanza dedicata alla musica ed al video nella taverna della villetta. Adesso sono passati 12 anni dal mio matrimonio, mia figlia ha 10 anni e, dopo la separazione consensuale, la casa è fortunatamente rimasta a me.

In questi anni ho coltivato la passione per la musica, ben riprodotta, partendo da quelle che sono state il mio primo amore (come diffusori) le Focal, ho avuto tre coppie di questa marca di diffusori, con caratteristiche sempre crescenti, sino ad arrivare a quelle che adesso possiedo, poi è arrivata il primo pezzo serio: il preamplificatore McIntosh c45, che oltre a suonare bene funziona anche da preamplificatore per l'home theater.

L'impianto è stato costruito pezzo dopo pezzo, cercando anche nell'usato, e la stanza è stata curata anche dal punto di vista acustico, adesso non mi dilungo in questioni troppo tecniche ma, se vuoi, approfondiremo. Il resto dei componenti e le sigle varie, tanto care a noi "impallinati" le trovi nella mia firma sul forum ;)

Ti allego qualche foto, dove si intravede anche il mio compagno di ascolti, Ecuador,  un Jack Russell terrier, che si fa grandi ronfate mentre ascolto oppure guardo un film.

un caro saluto
Giovanni.

 

La discussione continua sul Forum di OpenJournal:
http://forum.videohifi.com/discussion/291185/rubrica-i-vostri-impianti-su-open-journal-scrivete-scrivete#Item_22